L’ARTE DI INVIARE UN CURRICULUM

Mai più senza
16/02/2017

Quando si parla di “inviare un curriculum” il nostro pensiero va alle numerose piattaforme online che ci permettono di candidarci per le posizioni aperte con un semplice click. Ma provate a chiedere ai vostri genitori, o ancor meglio ai vostri nonni, come hanno fatto loro a trovare lavoro; vi parleranno di spedizioni a buste chiuse e di lunghe catene di raccomandazioni familiari e amicali che potrebbero quasi sembrare storie fantastiche, dal finale imprevedibile, di un’era ormai remota…

Ma siamo davvero sicuri che i metodi di ieri siano passati di moda, cedendo il posto ad altre modalità più innovative e, quindi, (nell’immaginario comune) più efficaci?

L’invio del CV fa parte della lunga catena di azioni che la ricerca del lavoro richiede. Dopo aver redatto il miglior curriculum della nostra vita (Hai già letto i nostri consigli sul CV?) ci toccherà investire del tempo - probabilmente parecchio tempo - a cercare le offerte di lavoro più idonee e interessanti a cui candidarci. Possiamo consultare le varie piattaforme online delle svariate Agenzie per il lavoro o le piazze virtuali di incontro domanda-offerta; possiamo scegliere di inviare la nostra candidatura spontanea tramite le famose pagine “lavora con noi” oppure proporci tramite e-mail; o ancora, possiamo usare il buon vecchio metodo del passaparola, chiedendo ad amici e parenti se conoscono qualcuno che conosce qualcuno che sa se qualcun altro sta cercando un giovane talentuoso, magari alla prima esperienza, per un qualsiasi lavoro; oppure, possiamo aguzzare la vista mentre gironzoliamo per la città scrutando tra le vetrine alla ricerca dei caratteristici annunci home made scotch-ati sulle porte dei negozi.

Qualunque sia la modalità con cui si verrà a sapere di una certa offerta di lavoro poi ci toccherà anche ragionare su quale strategia adottare per inviare la propria candidatura e il proprio CV.
Ai più fortunati, dopo giorni di duro lavoro sulla creazione del proprio curriculum e sulla ricerca e lettura delle differenti posizioni aperte, basterà il famoso click; ma se invece viene richiesto l’invio del curriculum tramite e-mail (magari condito con lettere motivazionali e quant’altro) oppure se hai scelto di autocandidarti spontaneamente ci toccherà impegnaci un po’ di più...

Non esistono i dieci comandamenti su come e quando inviare la propria candidatura ma possiamo pur sempre trovare alcuni consigli lampo per ciascuna evenienza!

 

L’AGENZIA INTERINALE

  • Registrati online! Le agenzie interinali si occupano di incontro domanda-offerta, ma non lo fanno attraverso consulenze personalizzate. Il loro lavoro, infatti, è quello di matchare le varie proposte che ricevono dalle aziende con gli infiniti curriculum di cui dispongono nella banca dati!

  • Sei già registrato/a? Consulta quotidianamente la pagina delle piattaforme, tieni aggiornato il tuo profilo (e quindi il tuo cv) e ricordati che fare una chiamata quando ti sei candidato ad un’offerta è sempre un punto a tuo vantaggio!

 

LE PIATTAFORME DI INCONTRO DOMANDA OFFERTA

  • Anche in questo caso: registrati, consulta la piattaforma con regolarità e tieni aggiornati i tuoi dati!

  • Ricordati che la possibilità di inviare la tua candidatura agli annunci con grande rapidità, appunto con un click, non deve farti perdere di vista l’importanza della forma e dei contenuti! Non sottovalutiamo queste candidature istantanee permesse dalla tecnologia. Anzi! In queste occasioni la nostra proposta e il nostro curriculum devono essere il massimo per poter spiccare tra tutti gli altri!

 

CANDIDARSI VIA E-MAIL

  • Candidati tramite e-mail ad uno specifico annuncio solo se espressamente richiesto.

  • L’oggetto della mail è il nostro biglietto da visita. Molte mail vengono cestinate ancor prima di essere aperte!

  • Allegato o allegati? Non trasformare la tua candidatura online in un romanzo autobiografico! Lettera motivazionale, raccomandazioni, curriculum, lettera di presentazione … siamo davvero sicuri che tutto ciò sia utile?

  • Rinomina tutto quello che invii con le parole chiave giuste! Evita di allegare un curriculum dal nome “Cv007.pdf”; Nome, cognome, anno, nome della posizione ricercata o per cui ti candidi. In un mondo informatizzato il dettaglio fa la differenza! Eviterai così che il tuo CV si perda nel tragitto…

 

LA CARA VECCHIA CONSEGNA A MANO

  • In questo caso la tua faccia parlerà prima del tuo cv, quindi non serve allegare milioni di lettere e referenze: la tua presenza fisica, il tuo entusiasmo e la tua presentazione (a voce!) avranno già fatto la metà del lavoro.

  • Evita di consegnare il tuo curriculum cartaceo sempre ed ovunque. Valuta con attenzione il posto e l’incarico per cui ti proponi.

  • Lavoro stagionale nel bar sotto casa o presso la piscina comunale? Questa probabilmente è la migliore occasione per stampare il tuo CV!

 

L’AUTOCANDIDATURA: “LAVORA CON NOI” E LA CANDIDATURA SPONTANEA

  • Autocandidarsi? Se davvero ambisci ad una determinata posizione o a lavorare in una specifica azienda allora fallo, ma non trasformarti in stalker!

  • Impariamo ad usare le aree “Lavora con noi”. Alcune aziende e società svolgono la selezione del personale internamente senza affidarsi ad agenzie esterne, quindi questo è l’unico modo per proporsi. Se sei nel pieno della “ricerca del lavoro” perché non provarci?!?

 

IL PASSAPAROLA

Esistono davvero dei consigli per il passaparola?

Forse solamente uno:

  • Sfrutta senza limiti le tue relazioni amicali e parentali!

Ovviamente non stiamo parlando di raccomandazioni del tipo “ho messo una buona parola…” ma di quei passaparola che permettono alle informazioni di circolare! Chi di noi non ha mai chiesto ad amici e parenti di collaborare nella propria ricerca di lavoro? Anche la più banale frase “se senti qualcosa” apre le porte a possibilità che probabilmente non avremmo mai incontrato da soli.

Il passaparola può essere visto come la pratica più antica nell’ambito della ricerca del lavoro. Tralasciando il vecchio metodo dell’ereditarietà del proprio incarico alla prole, i legami parentali e amicali hanno sempre sostenuto la ricerca del lavoro. E tutt’oggi possiamo dire che riesce a dare i suoi frutti. Ancor di più, i soggetti che all’interno delle proprie reti sociali riescono a mantenere sia legami forti, quindi parentali e amicali stretti, che legami deboli ha maggiori possibilità di successo nell’ambito della ricerca del lavoro (M. Granovetter,  "The Strength of Weak Ties"; American Journal of Sociology, 1974). E allora ricordati di chiedere, chiedere e chiedere!

Possiamo ora raccontare noi ai nostri genitori e ai nostri nonni come le potenzialità del web che ci abbiano permesso di superare l’invio del CV in busta chiusa tramite raccomandata, una gran bella rottura in meno! Ma rispetto al passaparola mi sa tanto che la storia non sia cambiata molto… alla faccia del familismo amorale!

E adesso che si fa?

Mentre rimani in attesa delle risposte alle tue candidature non battere la fiacca: continua a cercare! La ricerca del lavoro è un lavoro!

E nel frattempo che aspetti la fatidica chiamata preparati al colloquio di lavoro!

 

Vuoi saperne di più sull’incasinato mondo della candidatura? Vuoi scoprire quali trucchetti adottare nelle varie situazioni e quali azioni evitare in assoluto?

E allora continua a seguirci… e MOOVES!

COMMENTI