Yes, i DID! – Dichiarazione Immediata Disponibilità …al lavoro!

Job & Start up
5 Settembre 2017

Sarà capitato a tutti di annuire tranquillamente quando qualcuno ci parla usando parole che non conosciamo. Il primo pensiero? “Mo appena ti giri la Googolo! Wikipedia sa tutto. E male che vada c’è Yahoo Answer!”. Se ci va bene, poi, solitamente le parole sconosciute lette all’interno della frase trovano comunque un senso: si comprende il contesto o comunque l’argomento di cui stiamo parlando… ma non in questo caso!!!

Prendiamo la frase: “Si ricordi che per richiedere il sostegno al reddito deve presentare la DID online!”

In questo caso, infatti, succede che nulla appare chiaro: mentre il tuo cervello aziona le scimmiette in simultanea con il criceto, le tue gambe iniziano a tremare, la tua testa ti spinge a simulare il blackout sotto forma di svenimento ma invece l’unica cosa che fai è rispondere “Si, ma certo!” per poi pentirtene subito dopo quando, davanti al PC o con in mano il tuo smartphone, cerchi disperatamente di comprendere che cavolo ti ha chiesto, cosa devi fare e soprattutto che caspita è questa DID online!

Una volta che hai finito di insultarti per non aver fatto la domanda più semplice - “Scusi cos’è la DID online?” - prendi aria e ripeti a te stesso: io ce la posso fare!!!

Se devi presentare la DID online, in poche parole hai la necessità di dichiarare il tuo stato di disoccupazione. Tendenzialmente la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (esatto, DID significa proprio questo!!!) deve essere presentata nel caso in cui venga fatta richiesta di un sostegno al reddito (la cosiddetta disoccupazione) oppure perché si desidera accedere ad uno specifico percorso di reinserimento lavorativo o a progetti di politica attiva del lavoro.

Ma partiamo dalle basi.

La prima cosa da fare per cercare di uscire vivi da questo labirinto burocratico è quella di capire cosa vuol dire essere disoccupati.

“Sono considerati disoccupati i lavoratori privi di  impiego  che dichiarano, in forma telematica, al portale nazionale delle politiche del  lavoro  di   cui   all'articolo   13,   la   propria   immediata disponibilità allo  svolgimento  di  attività  lavorativa  ed  alla partecipazione alle misure di politica attiva del  lavoro  concordate con il centro per l'impiego”.

Articolo 19, Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n.150

 

A cosa ci serve questa descrizione dello stato di disoccupazione? Innanzitutto è utile per capire cosa si sta dichiarando! Quando si presenta la DID infatti, non si sta solo gridando al mondo che non si ha un lavoro. Stai anche mettendo nero su bianco che si è alla ricerca del lavoro, che si è disponibili ad iniziare quanto prima e che si è anche disposti a lanciarsi in misure di politica attiva del lavoro che possono consistere in giornate orientative, corsi di formazione e quant’altro.

Detto ciò, diventa chiaro che la dichiarazione di immediata disponibilità può essere presentata unicamente da cittadini disoccupati e, allo stesso tempo,  è obbligatoria per rientrare di diritto in questa categoria.

Ora passiamo alle cose pratiche. La prima cosa da fare per presentare questa benedetta DID online è accedere e registrarsi sul portale GEFO di Regione Lombardia (“Registrazione utente” in alto a sinistra!). Una volta registrati si riceveranno le credenziali (nome utente ed account) per accedere nella propria area personale. Qui bisogna cliccare il pulsantone sulla sinistra con scritto “Cittadino”, ed eccoci nella fantastica pagina di presentazione della DID!

Altolà! Non fatevi guidare dall’intuito! La prima cosa che va fatta è leggere le indicazioni scritte in alto, che spiegano benissimo come procedere. Ognuno di noi infatti ha un pregresso lavorativo differente (o magari anche no perché si è alle prime esperienze!) e deve dichiarare la propria immediata disponibilità per motivazioni differenti ed in situazioni diverse. Prima di qualsiasi click avventato, quindi, bisognerà identificarsi in una delle tre situazioni seguenti:

-        Sono disoccupato/a, non ho fatto richiesta di forme di sostegno al reddito e devo dichiarare per la prima volta nella mia vita la mia immediata disponibilità al lavoro.

-        Sono disoccupato/a, non ho fatto richiesta di forme di sostegno al reddito e devo dichiarare per la seconda volta (o la terza o la quarta volta) la mia immediata disponibilità al lavoro.

-        Ho fatto richiesta di un sostegno al reddito e devo presentare la DID.

Per ognuno di questi tre identikit c’è un accesso differente: chi rientra nel primo caso dovrà cliccare “Inserisci DID”, chi rientra nel secondo caso dovrà invece selezionare “Altra DID”; infine, coloro che hanno già fatto richiesta ali’INPS per la domanda di sostegno al reddito dovranno inserire i propri dati per presentare la DID cliccando su “Inserisci estremi richiesta indennità di disoccupazione”.

Ricordatevi di iniziare il tutto con i numeri alla mano! Oltre ai vostri dati personali, infatti, vi verranno richiesti anche altre informazioni sempre inerenti la vostra situazione (Date di precedenti DID, date di licenziamento, data di quando avete inviato la richiesta all’INPS e altre informazioni di questo tipo!). Una cosa importante da sapere, e non sottovalutare, è che in questo procedimento vi verrà richiesto di scegliere un Operatore accreditato ai servizi al lavoro a cui poi dovrete rivolgervi per completare tutto l’iter necessario.

Non entrate già in crisi! Per scoprire tutti gli Operatori accreditati ai servizi al lavoro della Regione puoi visionare l’Albo pubblicato sul sito di Regione Lombardia (aggiornato al 1 settembre 2017) oppure scovarli tramite georeferenziazione!

Al Centro per l’impiego di Rho puoi trovare AFOL Metropolitana (Agenzia Metropolitana per la Formazione, l’Orientamento e il Lavoro) che è un Operatore accreditato ai servizi al lavoro.

Consigli pratici per presentare la DID online:

-        Fare un passaggio per volta. La registrazione è abbastanza semplice, ma è necessario farla per bene al fine di non dimenticarsi nessun pezzo!

-        Inserire i dati con cura. Se non siete convinti dei dati, non inseriteli a caso. Sappiate che una DID inserita con dati non corretti potrebbe ritardare la vostra dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e provocarvi ovviamente una grossa arrabbiatura!

-        “Ho dei dubbi, non sono convinto, non so se farò giusto”. Se non pensate di essere in grado rivolgetevi al Centro per l’impiego territorialmente competente il quale potrà aiutarvi nel fornirvi tutte le informazioni necessarie. La Legge infatti stabilisce chiaramente che è possibile presentare la propria Immediata Disponibilità al lavoro anche appoggiandosi alle strutture idonee!

Una volta inserita la DID sappiate che non avete ancora finito! La riforma infatti ha inserito un altro punto fondamentale per ottenere lo stato di disoccupazione vero e proprio! Infatti, dovrete contattare l’Operatore che avete indicato nella vostra dichiarazione per fissare un appuntamento per stipulare e sottoscrivere il Patto di Servizio Personalizzato (PSP).

Ma qui arriva il bello! Aprite le orecchie e annotate:

-        Coloro che non hanno fatto richiesta di sostegno al reddito (quindi chi rientra nell’identikit 1 e 2) dovrà contattare l’Operatore entro 30 giorni dalla data di inserimento della DID.

-        Chi ha fatto richiesta di un sostegno al reddito invece dovrà contattare l’Operatore scelto entro 15 giorni dalla richiesta dell’indennità di disoccupazione, quindi non dall’invio della DID, ma dal giorno in cui è stata presentata la richiesta all’INPS! Il rispetto di tale scadenza è necessario per portare a termine nel modo corretto la propria richiesta di sostegno al reddito.

Sappiate che quanto sottoscritto nel Patto (PSP) non è una pura formalità. L’operatore, infatti, oltre a discuterne con voi vi chiederà ovviamente di rileggere prima di firmarlo. Questo cosa significa? Detto in maniera molto chiara significa che se quanto scritto nel patto non verrà rispettato ci potranno essere delle sanzioni (descritte nel patto stesso). Quindi leggete sempre per bene per capire di cosa si tratta; alla fine è pur sempre un accordo vero e proprio!

In definitiva la presentazione della DID è una cosa che richiede poco tempo, pochi dati da inserire e nulla di tragico. L’unica raccomandazione: compilate tutto con molta attenzione, con calma e senza sottovalutare le tempistiche. Dopodiché il gioco è fatto!

E ora che siete immediatamente disponibili al lavoro date un occhio ai nostri annunci della sezione lavora!

 

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER PRESENTARE LA DID

Legislazione di riferimento:

-        Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 150

-        Circolare Regione Lombardia 11 dicembre 2015

Link utili, anzi, utilissimi!

-        Regione Lombardia – DID (Dichiarazione Immediata Disponibilità) e PSP (Patto di Servizio Personalizzato)

-        AFOL – Indicazioni sullo stato di disoccupazione e sulla DID e sul PSP

AAA. Cercasi Centro per l’impiego!

Sul nostro territorio il Centro per l’Impiego si trova a Rho, in via Villafranca, 8.

Per qualsiasi info qui trovate i contatti:

Telefono 02 939 2301

Indirizzo e-mail centroimpiego.rho@afolmet.it

 

Mara Colombo
Web Editor

COMMENTI