CRISTIAN RACCONTA: A SCUOLA DI NON-PROFIT CON L’UNIVERSITÀ DEL VOLONTARIATO

Formazione
03/10/2017

Ciao Mooves! Oggi vi recensisco l’Università del volontariato di Milano e vi racconto l’esperienza che ho fatto io presso Ciessevi (l’ente che la gestisce).

Mi presento. Sono un ragazzo di 27 anni con una propensione da un lato per l'economia e la finanza, dall’altro per il sociale (lo so che sembra una “combo” un po’ particolare ma è così, giuro!). Ho sempre avuto interesse per i temi etici così, dopo aver conseguito una laurea triennale in economia bancaria, ho deciso di intraprendere un percorso più mirato verso il sociale, diventando volontario di un'associazione e conseguendo un master in diritti Umani.

Ecco come sono finito all’Università del volontariato: trovo rappresenti un po’ un connubio per chi, come me, vuole destreggiarsi in questi due ambiti.

 

Ma cos’è l’Università del volontariato?

L’Università del Volontariato è un progetto nato nel 2012 a Milano. È organizzato da Ciessevi (Centro servizi per il volontariato Città Metropolitana di Milano), un ente che offre servizi e consulenza ad associazioni e realtà del Terzo settore attive sul territorio milanese.

Questo percorso prevede che si seguano sei corsi nell’arco di uno o due anni (si tengono per lo più alle sere o nel weekend, così che possano essere seguiti anche da studenti o lavoratori). Di questi sei corsi, tre sono fissi e obbligatori e tre sono a scelta e riguardano vari temi:

  • Sviluppo delle associazioni;
  • Amministrazione, fiscalità e normativa;
  • Comunicazione ed eventi;
  • Ricerca fondi e finanziamenti;
  • Crescita e cultura personale;
  • Informatica;
  • Proposte territoriali e co-progettate.

Oltre alla frequenza dei corsi va scritta una piccola tesina di 3-5 pagine circa e sostenuto un tirocinio di 12 ore complessive in ambito non-profit. Alla fine del percorso, però, si ottiene un diploma certificato da Ciessevi.

L’Università del volontariato non è gratuita, ma se si è giovani e iscritti a qualche associazione di volontariato il costo è davvero ridotto: i volontari pagano 120 euro per l’intero percorso e, se si ha meno di 26 anni si ha diritto a un ulteriore sconto del 30%.

Inoltre se sei uno studente universitario hai un vantaggio in più: il percorso ti riconosce fino a 3 CFU.

 

 

 

 

Cosa mi ha lasciato?

L’Università del volontariato è stata una vera sorpresa: l’esperienza è stata assolutamente positiva e ho acquisito competenze utili non solo per il mondo del volontariato e dell’associazionismo, ma spendibili anche lavorativamente. Infatti, al di là delle lezioni più specifiche, seguendo corsi come “Parlare in pubblico” ho imparato attraverso il gioco delle tecniche e dei trucchetti che mi torneranno sicuramente utili a “fare breccia” ad un colloquio di lavoro o se mai dovrò fare una presentazione davanti ad un pubblico.

 

A chi la consiglierei?

Sicuramente un requisito fondamentale per iscriversi è avere un interesse per l’ambito sociale e/o per il Terzo settore (d’altronde, se no, che Università del Volontariato sarebbe?!), ma di certo se sei interessato al mondo del non-profit, se ami darti da fare per il prossimo, o se addirittura ti piacerebbe fondare la tua associazione o dirigere un’organizzazione, è il percorso di formazione che fa al caso tuo!

E poi molte delle lezioni offerte sono utili indipendentemente dall’interesse per il volontariato! Infatti i corsi sul crowdfunding, la comunicazione o il fundrainsing offrono metodi aggiornati ed efficaci per promuovere praticamente qualsiasi cosa; le lezioni sulla progettazione, invece, possono interessare chiunque si trovi ad avere a che fare con bandi pubblici e, infine, i corsi sulla fiscalità e la normativa possono essere più che utili a chi vorrebbe lavorare nella contabilità, soprattutto per quanto riguarda il Terzo Settore.

 

Se sei in vena di approfondire…

 

Hai qualcosa da dire? Condividi la tua esperienza con Mooves!

Se anche tu hai partecipato a qualche corso di formazione gratuito e certificato (sia online che “dal vivo”) che hai trovato particolarmente utile e interessante, segnalacelo per mail raccontandoci la tua esperienza!
E se hai voglia di scrivere un articolo sul corso che hai seguito, noi di Mooves saremmo lieti di pubblicarlo. Mandacelo pure, allegando anche una tua foto e una breve descrizione di te!

 

 

Cristian Guerrasio
Lettore di Mooves in continua evoluzione. Da sempre “spaccato” tra ambito sociale e finanziario, ha (forse!) trovato un equilibrio nel sogno di occuparsi di economia dello sviluppo (branca dell'economia che analizza gli squilibri economici)

COMMENTI