CAMBIARE STRADA E' POSSIBILE!

Orientati
15 gennaio 2017

E come dice Mr Nobody (film geniale del 2009 con Jared Leto): “…finché non scegli tutto resta possibile!”.

Ma una volta scelto? Non temete ragazzi! È chiaro che esistono scelte decisive dalle quali non si può tornare indietro, ma quelle che riguardano il vostro futuro professionale non sono fra queste!

Sono mosche bianche i casi in cui, appena finita la scuola, si sa già con chiarezza qual è la strada da percorrere! È classico invece lo smarrimento di fronte ad una vasta gamma di possibilità che il mondo vi offre! “Cosa mi piace? Cosa voglio diventare?” sono le domande tipiche.

Prima cosa da fare:

Considerate tutte le possibilità e approfonditele accuratamente. Informarsi è il primo passo per poter facilmente scartarne alcune a cuor leggero e selezionarne altre. Scoprirete spesso che l’idea che avevate di una certa professione non rispecchia la realtà e soprattutto i vostri interessi; così come al contrario, potreste sorprendervi nel constatare quanto un vostro interesse si rispecchi invece in una strada che avreste lasciato sullo sfondo!

Seconda cosa da fare:

Mettete tutto nero su bianco per iscritto. In questo modo sistematizzerete i vostri pensieri e li renderete concreti in forma scritta. Riuscirete a guardarli davanti a voi e a ragionarci meglio.

Una volta selezionate le tre strade sul podio analizzate i pro e contro di ciascuna e se potete sperimentate! Scegliete quella che in quel momento vi calza di più senza mai abbandonare definitivamente le altre. Cercate di coltivarle nel tempo libero, restando sempre aggiornati! Un giorno quella che era al secondo posto potrebbe diventare al primo!

Loro ce l'hanno fatta...

Un esempio simpatico è la storia di quattro ragazzi di La Spezia che dopo anni di studio in diversi ambiti (ingegneria nautica, pedagogia, moda, neuroscienze...), lavori di ogni tipo e viaggi all’estero…nel 2014 sono tornati alle origini trasformando dei terreni incolti in appezzamenti agricoli produttivi! Questi ragazzi hanno avuto il coraggio di lasciare tutto e ricominciare da zero, riscoprendo una loro passione e trasformandola in un progetto concreto “Onda D’Orto” (http://www.ondadorto.it/), in cui credono e si sentono soddisfatti. Tutto questo non senza difficoltà. Per partire hanno avuto ovviamente bisogno del sostegno familiare e di finanziamenti esterni, partecipando e vincendo il bando Starter che sovvenzionava le nuove imprese spezzine. Tutt’oggi i ragazzi si stanno impegnando per avviare collaborazioni con cooperative sociali e imprese interessate a creare progetti comuni. Questo vuol dire che è importante sempre andare al passo coi tempi e non perdere mai il proprio spirito d’iniziativa!

Questo è solo uno dei tantissimi esempi...se tra qualche anno non vi sentirete soddisfatti della vostra strada, nulla vi vieterà di cambiarla.

Forza ragazzi e mooves!

 

Ilaria Fusco
Web Editor - Psicologa

COMMENTI